lunedì 19 gennaio 2015

Le profezie di San Malachia

Gli scritti di San Malachia sono ritenuti sconvolgenti per le sue profezie che si sono rivelate incredibilmente esatte; ad ogni papa ha accostato una descrizione, e dal 1400 ad oggi la maggior parte delle volte la descrizione si avvicina alla reltà.
 
 


Chi era San Malachia?

Nel corso della storia del nostro pianeta, ci sono stati numerosi profeti e veggenti che cercarono di prevedere il futuro in modo più o meno preciso. Uno dei più importanti, assieme a Nostradamus, è sicuramente San Malachia.
Maelmhaedhoc O'Morgair, questo il vero nome del santo, era un arcivescovo irlandese, nato nella cittadina di Armagh nell’anno 1094. Nel 1139 Si recò da Papa Innocenzo II, che lo nominò legato pontificio per l’Irlanda, durante il suo viaggio in Italia conobbe anche Bernardo di Chiaravalle, che lo ospitò nel suo secondo viaggio che si rivelò fatale per Malachia, infatti morì presso Chiaravalle il 2 novembre 1148. Siccome gli si attribuirono vari miracoli, venne proclamato santo da Papa Clemente III nel 1199.
Benchè sia stato un grande riformatore per la chiesa irlandese, che salvò da un declino che durava da anni (lo paragonarono addirittura a Bonifacio per la Germania), Malachia è diventato famoso soprattutto per le sue profezie papali, che scrisse (o almeno cosi si dice) grazie a delle visioni mistiche che ebbe nel corso del suo primo viaggio in Italia.
 
Le profezie papali

Le profezie sono un elenco di 112 voci, sono per lo più piccole frasi in latino che descrivono ogni papa a partire da Celestino II (1143) e finiscono con Petrus Romanus. Sull’esattezza e l’interpretazione delle frasi di Malachia si è discusso molto, infatti c’è chi dice che non siano nemmeno opera sua perchè furono pubblicate per la prima volta solo nel 1595 da un monaco benedettino, a quasi 500 anni dalla morte di Malachia.
Per capire meglio di cosa si tratta, qui sotto l’elenco completo delle profezie con i relativi papi:





Profezia

Relativo Papa


Ex castro Tiberis

Celestino II (Guido di Città di Castello 1143 - 1144)


Inimicus expulsus

Lucio II (Lucio Caccianemici 1144 - 1145)


Ex magnitudine montis

Eugenio III (Bernardo Paganelli 1145 - 1153)


Abbas Suburranus

Anastasio IV (Corrado della Suburra 1153 - 1154)


De rure albo

Adriano IV (Niccolò Breakspear 1154 - 1159)


Ex tetro carcere

Vittore IV (antipapa) (Ottaviano de' Monticello 1159 - 1164)


Via transtiberina

Pasquale III (antipapa) (Guido da Crema 1164 - 1168)


De Pannonia Thusciae

Callisto III (antipapa) (Giovanni di Strumi 1168 - 1178)


Ex ansere custode

Alessandro III (Rolando Bandinelli 1159 - 1181)


Lux in ostio

Lucio III (Ubaldo Allucignoli 1181 - 1185)


Sus in cribro

Urbano III (Umberto Crivelli 1185 - 1187)


Ensis Laurentii

Gregorio VIII (Alberto Mosca 1187 - 1187)


De Schola exiet

Clemente III (Paolo Scolari 1187 - 1191)


De rure bovensi

Celestino III (Giacinto Orsini dei Borbone 1191 - 1198)


Comes signatus

Innocenzo III (Giovanni Lotario 1198 - 1216)


Canonicus de latere

Onorio III (Cencio Savelli 1216 - 1227)


Avis Ostiensis

Gregorio IX (Ugolino dei Conti di Segni 1227 - 1241)


Leo Sabinus

Celestino IV (Goffredo Castiglioni di Milano 1241 - 1242)


Comes Laurentius

Innocenzo IV (Sinibaldo dei Conti Fieschi 1242 - 1254)


Signum Ostiense

Alessandro IV (Rinaldo dei Conti dei Segni 1254 - 1261)


Hierusalem Campaniae

Urbano IV (Giacomo Troyes Pantaleone 1261 - 1264)


Draco depressus

Clemente IV (Guido le Gros di Saint-Gilles 1265 - 1268)


Anguinus vir

Gregorio X (Tobaldo dei Visconti di Piacenza 1271 - 1276)


Concionator Gallus

Innocenzo V (Pietro di Tarantasia 1276 - 1276)


Bonus Comes

Adriano V (Ottobono dei Conti Fieschi 1276 - 1276)


Piscator Thuscus

Giovanni XXI (Pietro di Giuliani 1276 - 1277)


Rosa composita

Niccol III (Gian Gaetano Corsini 1277 - 1280)


Ex teloneo liliacei Martini

Martino IV (Simone di Brion 1281 - 1285)


Ex rosa leonina

Onorio IV (Jacopo Savelli 1285 - 1287)


Picus inter escas

Niccol IV (Gerolamo di Ascoli 1288 - 1292)


Ex eremo celsus

Celestino V (Pietro Anglerio da Morrone 1294 - 1294)


Ex undarum benedictione

Bonifacio VIII (Benedetto Caetani 1294 - 1303)


Concionator patereus

Benedetto XI (Nicol Bacca-Sini 1303 - 1304)


De fessis aquitanicis

Clemente V (Bertrando di Goth 1305 - 1314)


De sutore osseo

Giovanni XXII (Giacomo Duse 1316 - 1334)


Corvus schismaticus

Niccol V (antipapa) (Pietro Rinalducci 1328 - 1330)


Frigidus Abbas

Benedetto XII (Giacomo Furnier 1334 - 1342)


De rosa Attrebatensi

Clemente VI (Pietro Roger di Beaufort 1342 - 1352)


De montibus Pammachii

Innocenzo VI (Stefano Aubert 1352 - 1362)


Gallus Vicecomes

Urbano V (Guglielmo Grimoard 1362 - 1370)


Novus de virgine forti

Gregorio XI (Ruggero di Beaufort 1370 - 1378)


De cruce Apostolica

Clemente VII (antipapa) (Roberto dei Conti di Ginevra 1378 - 1394)


Luna Cosmedina

Benedetto XIII (antipapa) (Pietro de Luna 1394 - 1417)


Schisma Barchinonium

Clemente VIII (antipapa) (Gil Snchez de Muoz 1423 - 1429)


De inferno praegnanti

Urbano VI (Bartolomeo Prignano 1378 - 1389)


Cubus de mixtione

Bonifacio IX (Pietro Tomacelli 1389 - 1404)


De meliore sydere

Innocenzo VII (Cosma Migliorati 1404 - 1406)


Nauta de Ponte nigro

Gregorio XII (Angelo Correr 1406 - 1415)


Flagellum solis

Alessandro V (antipapa) (Pietro Filargis 1409 - 1410)


Cervus Sirenae

Giovanni XXIII (antipapa) (Baldassarre Cossa 1410 - 1415)


Corona veli aurei

Martino V (Oddone Colonna 1417 - 1431)


Lupa Coelestina

Eugenio IV (Gabriele Condolmer 1431 - 1447)


Amator Crucis

Felice V (antipapa) (Amedeo VIII Principe di Savoia 1440 - 1449)


De modicitate Lunae

Niccol V (Tommaso Parentuccelli 1447 - 1455)


Bos pascens

Callisto III (Alfonso de Borgia 1455 - 1458)


De Capra et Albergo

Pio II (Enea Silvio Piccolomini 1458 - 1461)


De Cervo et Leone

Paolo II (Pietro Barbo 1464 - 1471)


Piscator minorita

Sisto IV (Francesco della Rovere 1471 - 1484)


Praecursor Siciliae

Innocenzo VIII (Giovanni Battista Cybo 1484 - 1492)


Bos Albanus in portu

Alessandro VI (Rodrigo Borgia 1492 - 1503)


De parvo homine

Pio III (Francesco Todeschini 1503 - 1503)


Fructus Jovis juvabit

Giulio II (Giuliano della Rovere 1503 - 1513)


De craticula Politiana

Leone X (Giovanni de' Medici 1513 - 1521)


Leo Florentius

Adriano VI (Adriano Florent di Utrecht 1522 - 1523)


Flos pilei aegri

Clemente VII (Giulio de' Medici 1523 - 1534)


Hiacinthus medicorum

Paolo III (Alessandro Farnese 1534 - 1549)


De corona montana

Giulio III (Giovanni Maria Ciocchi del Monte 1550 - 1555)


Frumentum floccidum

Marcello II (Marcello Cervini 1555 - 1555)


De fide Petri

Paolo IV (Gian Pietro Carafa 1555 - 1559)


Esculapii pharmacum

Pio IV (Giovanni Angelo de'Medici 1559 - 1565)


Angelus nemorosus

Pio V (Michele Ghislieri 1566 - 1572)


Medium corpus pilarum

Gregorio XIII (Ugo Boncompagni 1572 - 1585)


Axis in medietate signi

Sisto V (Felice Peretti 1585 - 1590)


De rore coeli

Urbano VII (Giovan Battista Castagna 1590 - 1590)


Ex antiquitate Urbis

Gregorio XIV (Nicola Sfondrati 1590 - 1591)


Pia civitas in bello

Innocenzo IX (Giovanni Antonio Facchinetti 1591 - 1591)


Crux Romulea

Clemente VIII (Ippolito Aldobrandini 1592 - 1605)


Undosus vir

Leone XI (Alessandro de’Medici 1605 - 1605)


Gens perversa

Paolo V (Camillo Borghese 1605 - 1621)


In tribulatione pacis

Gregorio XV (Alessandro Ludovisi 1621 - 1623)


Lilium et rosa

Urbano VIII (Maffeo Barberini 1623 - 1644)


Jucunditas crucis

Innocenzo X (Giovanni Battista Pamphilj 1644 - 1655)


Montium Custos

Alessandro VII (Fabio Chigi 1655 - 1667)


Sydus olorum

Clemente IX (Giulio Rospigliosi 1667 - 1669)


De flumine magno

Clemente X (Emilio Altieri 1670 - 1676)


Bellua insatiabilis

Innocenzo XI (Benedetto Odescalchi 1676 - 1689)


Poenitentia gloriosa

Alessandro VIII (Pietro Ottoboni 1689 - 1691)


Rastrum in porta

Innocenzo XII (Antonio Pignatelli 1691 - 1700)


Flores circundati

Clemente XI (Giovanni Francesco Albani 1700 - 1721)


De bona religione

Innocenzo XIII (Michelangelo Conti 1721 - 1724)


Miles in bello

Benedetto XIII (Pier Francesco Orsini 1724 - 1730)


Columna excelsa

Clemente XII (Lorenzo Corsini 1730 - 1740)


Animal rurale

Benedetto XIV (Prospero Lambertini 1740 - 1758)


Rosa Umbriae

Clemente XIII (Carlo Rezzonico 1758 - 1769)


Ursus velox

Clemente XIV (Lorenzo Ganganelli 1769 - 1774)


Peregrinus apostolicus

Pio VI (Giovanni Angelo Braschi 1775 - 1799)


Aquila rapax

Pio VII (Gregorio Barnaba Chiaramonti 1800 - 1823)


Canis et coluber

Leone XII (Annibale della Genga 1823 - 1829)


Vir religiosus

Pio VIII (Francesco Saverio Castiglioni 1829 - 1830)


De balneis Ethruriae

Gregorio XVI (Bartolomeo Alberto Cappellari 1831 - 1846)


Crux de cruce

Pio IX (Giovanni Maria Mastai-Ferretti 1846 - 1878)


Lumen in coelo

Leone XIII (Gioacchino Pecci 1878 - 1903)


Ignis ardens

Pio X (Giuseppe Sarto 1903 - 1914)


Religio depopulata

Benedetto XV (Giacomo Della Chiesa 1914 - 1922)


Fides intrepida

Pio XI (Achille Ratti 1922 - 1939)


Pastor angelicus

Pio XII (Eugenio Pacelli 1939 - 1958)


Pastor et nauta

Giovanni XXIII (Angelo Roncalli 1958 - 1963)


Flos florum

Paolo VI (Giovanbattista Montini 1963 - 1978)


De medietate Lunae

Giovanni Paolo I (Albino Luciani 1978 - 1978)


De labore solis

Giovanni Paolo II (Karol Wojtyla 1978 - 2005)


Gloria olivae

Benedetto XVI (Joseph Ratzinger 2005 - )


Petrus Romanus

?


La lista si conclude con Petrus Romanus, a cui Malachia non dedica una breve frase ma una più ampia descrizione:

"In persecutione extrema sacrae romanae ecclesiae sedebit Petrus romanus, qui pascet oves in multis tribulationibus; quibi transactis, civitas septis collis diruetur, ed Judex tremendus judicabit populum suum. Amen."

Tradotto:

"Durante l'ultima persecuzione della Santa Romana Chiesa, siederà Pietro il romano, che pascerà il suo gregge tra molte tribolazioni; quando queste saranno terminate, la città dai sette colli sarà distrutta, ed il temibile giudice giudicherà il suo popolo. E così sia."

Di questa ultima profezia ce ne occuperemo dettagliatamente pi avanti…


Coincidenze



Di tutte queste profezie papali ce ne sono alcune che sembrano sorprendentemente combaciare con la realtà, in qualche occasione le frasi di Malachia si adattano quasi alla perfezione al vero papa eletto, qui di seguito alcuni esempi:


Celestino II - Ex castro tiberis, il papa poi eletto fu Guido da Città di Castello, una cittadina umbra sulle rive del fiume Tevere, infatti la traduzione “dal castello sul Tevere”.


Lucio II - Inimicus expulsus, il nemico espulso, il papa si chiamava Lucio Caccianemici


Eugenio III - Ex magnitudine montis, il papa proveniva da Montemagno, la traduzione dal latino letteralmente “dal grande monte”.


Celestino V - Ex eremo celsius, "elevato da un eremo"; Papa Celestino V era un eremita.


Giulio III - De corona montana, si chiamava Giovanni Maria Chiocchi del Monte e il suo stemma raffigurava due corone.


Gregorio XXII - Nauta de Ponte Nigro, era cardinale di Negroponte e “nauta” l’espressione usata da Malachia per indicare i papi provenienti da Venezia, nota città di mare, Gregorio XII era infatti di Venezia. Questo fatto di Venezia ci tornerà utile più in là…

Questi sono alcuni esempi delle interpretazioni di Malachia, scorrendo la lista e decifrando tutte le frasi, accostandole al papa poi nominato, si nota che in quasi tutte le frasi c’è qualcosa che combacia con la realtà, dare qui nel sito tutte le interpretazioni sarebbe troppo lungo, ma ho trovato sul web chi lo ha già fatto, posto il link:

http://web.tiscali.it/ky/malachia_papi.htm

Proviamo a vedere cosa succede con i papi eletti successivamente al 1600, cioè dopo la pubblicazione degli scritti di Malachia da parte del presunto falsario, sempre alcuni esempi:


Pio VII - Aquila rapax, "aquila ladra". Papa Pio VII fu rapito da Napoleone, il cui stemma era un'aquila.


Gregorio XVI - De Balnei Etruriae, il papa era camaldolese, un ordine nato nella antica terra dell’etruria, il cui nome romano era “Balneis”.


Benedetto XV - Religio depopulata. Il suo pontificato avvenne tra il 1914 e il 1922, proprio durante la prima guerra mondiale, dove molte persone morirono, e ci fu un forte calo demografico.


Pio XII - Pastor Angelicus, ad Eugenio Pacelli spettava il difficile compito di essere il papa che doveva fare da pastore durante la ricostruzione post bellica, e quindi essere come un angelo protettore. Dopo la sua morte gli fu dedicato un film dal titolo “pastor angelicus”.


Giovanni XIII - Pastor et Nauta, prima di venire eletto papa, era patriarca di Venezia. E sappiamo che Nauta stava ad indicare proprio che il papa predetto veniva da Venezia (vedi Gregorio XII). Nauta la traduzione di marinaio, e dove ci sono più marinai di Venezia?


Giovanni Paolo I - De Medietate Lunae; Il tempo di una luna…cioè un mese, sappiamo tutti che il pontificato di Albino Luciani durò esattamente 33 giorni…incredibile!


Personalmente certe cose mi hanno proprio sconvolto, da notare soprattutto Giovanni Paolo I e il fatto di Giovanni XIII e Gregorio XII, a cui fu attribuito l’aggettivo “nauta” ed entrambi provenivano da Venezia, solo una coincidenza?
Venendo ai giorni nostri, Papa Benedetto XVI è definito come “De Gloria Olivae”, molti sono convinti che il termine Olivae derivi dall’ordine dei benedettini, detti anche “olivetani”, inoltre Joseph Ratzinger nato sabato 16 aprile 1927, era il giorno di pasquetta e tutti sappiamo che la Pasqua ha come simbolo un ramoscello di ulivo, a dir poco sorprendente.
 
La profezia Finale

"Durante l'ultima persecuzione della Santa Romana Chiesa, siederà Pietro il romano, che pascerà il suo gregge tra molte tribolazioni; quando queste saranno terminate, la città dai sette colli sarà distrutta, ed il temibile giudice giudicherà il suo popolo. E così sia."

La frase di Malachia non è di certo incoraggiante, descrive uno scenario dove i fedeli “triboleranno” e Petrus Romanus avrebbe il compito di guidare il suo gregge verso una sorta di giudizio finale. La città dei sette colli è indubbiamente Roma, dove sappiamo tutti ha sede il Vaticano e quindi il potere centrale della chiesa, questo ci fa pensare che potrebbero essere solo la chiesa e i suoi fedeli ad essere perseguiti, e ad essere distrutta potrebbe essere solo Roma.
Nella profezia infatti non si parla di vera e propria fine del mondo, è tutto molto vago e ci sono varie ipotesi a riguardo. Secondo Malachia, quello attuale dovrebbe essere l’ultimo papa prima di “Petrus Romanus”; non viene chiarito se tra l’ultimo papa e quello attuale ce ne siano altri in mezzo, comunque Petrus Romanus dovrebbe essere l’ultimo papa della chiesa, che sia per causa della fine del mondo, per causa della fine della chiesa o per causa di una qualsiasi altra cosa non è dato saperlo.

Codice Genesi

Le profezie forse contenute in codice nel libro della gensi, informazioni sul nostro futuro venute da un lontano passato...forse scritte da Dio in Persona?


Il Codice Genesi (o Codice della Torah) è un codice che si dice sia stato nascosto intenzionalmente nei testi della Bibbia, decifrabile solo ricercando particolari sequenze di lettere equidistanti. Partendo da una lettera qualsiasi, possiamo prendere in considerazione solo le lettere n-esime nel testo, ovvero le lettere spaziate a intervalli regolari di n caratteri, esclusi gli spazi fra parole.

Se si applica questo sistema ad un intero libro biblico, come la Genesi, il risultato naturalmente sarà una lunghissima serie di lettere. Cambiando la lettera iniziale e il parametro “n” si possono generare svariate successioni di questo tipo. Immaginando di mettere tutte le lettere sopra ad un cilindro per poi appiattirlo, si possono avere un infinità di colonne, dove ci si potrà mettere alla ricerca di nomi significativi in corrispondenza di date; ma non solo, immaginando queste lettere sopra il cilindro è possibile ricercare parole in qualsiasi direzione si voglia, dando cosi origine ad un numero ancor maggiore di combinazioni. Un equipe di matematici israeliani applicando questo metodo sostiene di aver trovato moltissime corrispondenze cercando nomi in corrispondenza di date di nascita o morte. Doron Witztum, Eliyahu Rips e Yoav Rosenberg hanno pubblicato la loro scoperta sulla rivista scientifica Statistical Science col titolo “Equidistant Letter Sequences in the Book of Genesis”. il Libro della Genesi, con molto stupore da parte di tutti, conteneva informazioni su personalità attuali e date di eventi significativi contemporanei. Gli autori hanno fatto ricorso ad un test di randomizzazione per verificare quanto raramente le disposizioni trovate potrebbero prodursi per pura casualità ed hanno ottenuto un risultato altamente significativo, con probabilità pƒ0,0000016. Ovvero, la probabilità di ottenere quegli stessi risultati era di sedici su un milione. Gli autori affermarono:

“L’analisi per randomizzazione dimostra che l’effetto è significativo a livello di 0,00002 e che la sequenza di lettere con significati corrispondenti nella Genesi non è dovuta solo al caso.”

Harold Gans, ex criptologo al Dipartimento della Difesa USA, riprodusse lo studio degli israeliani e lo confermò nelle conclusioni. Jason Browning, scienziato creazionista, afferma che i primi cinque libri della Bibbia contengono disposizioni occulte di parole che sono state matematicamente dimostrate impossibili da ottenere per puro caso. Browning tuttavia non cita chi possa aver condotto i calcoli del caso per suo conto.
Ad ulteriore dimostrazione della attendibilità statistica dei loro risultati, gli isrealiani analizzarono la versione ebraica del Libro di Isaia e i primi 78.064 caratteri (come il libro della Genesi) di una traduzione in ebraico di Guerra e Pace di Tolstoy. Essi trovarono ancora numerosi nomi in stretta associazione a date di nascita o morte. Ma il risultato poteva anche essere casuale dato che erano presenti in proporzione molto minore al libro della Genesi, e quindi statisticamente meno rilevanti.
Per alcuni le disposizioni di parole nella Genesi sarebbero intenzionali e che Dio stesso fu l’autore primo del codice, dove immise volontariamente una serie di indicazioni sul futuro dell’umanità. Se Dio avesse applicato questo metodo ad altri libri, dovremmo forse dedicarci alla traduzione di tutti i libri sacri per verificare quante personalità di spicco vi sono citate in codice?
Ma può veramente un computer leggere la mente di Dio? Questa è la domanda che si sono posti i più religiosi che non hanno gradito questo studio poichè secondo la teoria, Dio avrebbe dettato un insieme di parole più o meno comprensibili, contenenti storie di creazione, diluvi, guerre fratricide, miracoli e altro ancora, compresi molti messaggi moraleggianti, ma contemporaneamente avrebbe nascosto all’interno di queste parole le informazioni più importanti per la storia umana ed assolutamente di nessun valore religioso. D’altro canto se una parte della comunità religiosa è andata contro questa teoria, molti non si sono affatto meravigliati, anzi… Alcuni scienziati creazionisti cristiani sostengono che il codice biblico sia la prova scientifica dell’esistenza di Dio. Se avessero ragione, dovrebbero tuttavia convertirsi al giudaismo. Doran ha portato il lavoro compiuto sulla Genesi ben oltre le idee dei suoi stessi colleghi. Alla televisione israeliana egli ha affermato che i nomi dei campi minori di Auschwitz sembrano notevolmente vicini alla frase “in Auschwitz” all’interno del libro decodificato. Le probabilità che ciò avvenga per caso sarebbero una su un milione. Alcuni suoi studenti hanno effettuato i calcoli e annunciano che il loro mentore si sbaglia per un valore 289.149. L’abilità matematica di Witztum potrà non essere all’altezza delle sue buone intenzioni, ma è arduo capire quali possano essere tali intenzioni. Dio voleva forse curiosamente svelare che i campi secondari di Auschwitz erano proprio ad Auschwitz?
Michael Drosnin e tutti gli appassionati del suo famoso libro The Bible Code, sostengono che decodificare l’intera Bibbia possa condurre alla rivelazione di profezie e profonde verità di grandissima importanza, delle quali non tutte sarebbero state rivelate. Secondo Drosnin la Bibbia è il solo testo in cui simili frasi in codice vengono riconosciute in uno schema statisticamente significativo, e la probabilità che tutto ciò sia frutto di casualità è alquanto inverosimile. Ricorrendo all’analisi delle sequenze di lettere equidistanti, Drosnin ci fa notare che l’assassinio di Rabin era predetto nella Bibbia, insieme a quelli di Sadat e di Kennedy.
Ma non tutti concordano con l’ipotesi di Drosnin, come Harold Gans, il crittologo del Dipartimento della Difesa americano, che appoggiò il lavoro di Witztum, Rips e Rosenberg. Gans ha pubblicato una dichiarazione in merito a The Bible Code e altri libri del genere, in cui sostiene che i codici della Torah non sarebbero utilizzabili per predire il futuro, e questa teoria è totalmente infondata in quanto non vi è alcuna base scientifica o matematica a sostegno di una simile affermazione. Sempre secondo Gans. Il ragionamento seguito per giungere a una conclusione del genere nel libro è chiaramente in errore. Se è vero che certi eventi storici sono stati dimostrabilmente codificati nella Genesi in vari schemi, non è invece assolutamente vero che ogni configurazione del genere rappresenti necessariamente un potenziale fatto storico.
Il Prof. Menachem Cohen, noto studioso della Bibbia all’ Università Bar-Ilan, ha criticato Witztum e gli altri su due punti fondamentali:

1) ci sono varie altre versioni ebraiche della Genesi per le quali l’analisi di sequenze di caratteri non ha prodotto alcun risultato statisticamente significativo;

2) gli appellativi dati ai grandi di Israele erano incoerenti ed arbitrari. Il professore compie delle buone osservazioni, ma magari questo prova solo che la versione Koren della Genesi è proprio quella giusta, e che gli appellativi rilevati sono quelli più giusti per le personalità più importanti nella storia di Israele.

Altri critici, come Brendan McKay, hanno condotto in proprio l’analisi di Guerra e Pace, ottenendo risultati notevolmente differenti da quelli di Witztum. Ad ogni modo Drosnin sembrava chiedere un controllo di quel tipo quando dichiarò: “Quando i miei critici troveranno un messaggio sull’assassinio di Kennedy criptato in Moby Dick, allora gli crederò.” McKay prontamente tirò fuori un'analisi sequenziale del testo di Moby Dick, predicendo non solo l’attentato a Indira Ghandi, ma anche quelli di Martin Luther King, John F. Kennedy, Abramo Lincoln ed Yitzhak Rabin, assieme alla fine della Principessa Diana. Il matematico David Thomas ha compiuto un’analisi sequenziale del testo della Genesi, trovando le parole code (codice) e bogus (falso) in prossimità reciproca non una, bensì sessanta volte! Quante sarebbero le probabilità di una cosa del genere? Significa dunque che Dio ha criptato nel testo un codice per rivelarci che non vi è alcun codice?

domenica 18 gennaio 2015

Il Museo Rockefeller tiene nascosti manufatti egizi di origine aliena

I circoli Ufologici sono in fermento. Sono arrivate decine di richieste per analizzare gli strepitosi ritrovamenti scoperti nella casa di Gerusalemme del famoso egittologo Sir William Petrie (foto sotto); oggetti che “potrebbero far riscrivere la storia dell’antico Egitto se non del mondo intero”.

Un video di YouTube postato il 13 Dicembre dal canale Paranormal Crucible (vi consiglio di guardare i video caricati da questo utente perché sono davvero tutti interessanti), mostra quelli che sono antichi artefatti di sculture egizie che originariamente si trovavano nel “complesso di Giza” ma, come riferito, presi dalla casa di Petrie a Gerusalemme dai rappresentanti del Museo Archeologico Rockefeller poco dopo il ritrovamento.

Secondo Shepard Ambellas di Intellihub News, gli artefatti egizi alieni scoperti, erano stati nascosti in una stanza segreta, situata dietro una libreria (foto sopra), dell’abitazione dell’egittologo. Petrie, aveva apparentemente trovato prove di vita aliena sulla Terra prima della sua morte, nel 1942, ma decise di nasconderle nella sua casa di Gerusalemme. Ora che i manufatti si trovano nelle mani del Museo Rockefeller (foto sotto), gli ufologi temono che non saranno mai accessibili al pubblico.

Tuttavia, Ambellas dice che alcune delle reliquie possono essere viste nel Museo Petri d’Archeologia Egizia di Malet Place, Camden, vicino a Gower Street, Londra.

Il prestigioso Petri Egyptian Archaeology Museum, è in possesso di una vasta collezione di antichi manufatti egizi e sudanesi, come il più antico vestito di lino di Egitto (5000 aC). Il museo espone anche sculture dei leoni del Tempio di Min a Copto e alcuni tra i più antichi prodotti della metallurgia nota delle antiche civiltà. Tuttavia, il museo, non ha ancora ufficializzato alcun ritrovamento riguardante “Manufatti Egizi Alieni” nella vecchia casa dell’egittologo William Petrie situata a Gerusalemme.

Ma gli esperti credono che le reliquie extraterrestri più sensibili, siano tenute nascoste agli occhi del pubblico.

Ambellas afferma che i manufatti egizi trovati nella casa di Petrie, collegherebbero l’antica civiltà egizia ad una avanzata civiltà ET

Tra i ritrovamenti ci sono anche due corpi mummificati alti meno di 1,2 metri. Ambellas ha ipotizzato che queste due creature sono “probabilmente extraterrestri in natura, in quanto, gli scheletri alieni hanno teste allungate, grandi occhi ed una lunga sezione spinale”.

Altrettanto interessanti sono gli avanzatissimi dispositivi meccanici, tra cui un disco d’oro con un coperchio trasparente (foto sopra). Secondo Ambellas, i dispositivi high-tech hanno “un intricato meccanismo circondato da tubi d’oro a spirale, con diversi piccoli globi d’oro collegati”.

Questi manufatti, quindi, sono di origine aliena? Beh, molto probabilmente si visto che sulle reliquie si trovano anche tavole di pietra che “sembrano mostrare un’astronave aliena”.

Mi chiedo il motivo per il quale Sir William Petrie ed i suoi colleghi, hanno mantenuto questi straordinari manufatti egizi di origine extraterrestre, lontano dagli occhi dell’umanità.

Fonte informazioni: https://www.intellihub.com/highly-advanced-device-possible-alien-bodies-found-giza-complex/

Gesù l'extraterrestre

Recentemente l’Osservatorio Astronomico Vaticano ha tenuto una conferenza sulla vita aliena in cui, i più importanti astrobiologi, si sono riuniti per discutere la possibilità di trovare vita aliena su altri mondi entro i prossimi due decenni.

Automaticamente, molte persone si sono chieste il perché di tutto questo interesse per quello che in Vaticano viene comunemente chiamato “Fratello Alieno”, in quanto, secondo alcuni, il Vaticano nasconde informazioni relative al tema alieno che se venissero alla luce cambierebbero le credenze in tutto il mondo.

Secondo i ricercatori di storia alternativa, una di queste misteriose informazioni sarebbe che, Gesù stesso, fosse di origine extraterrestre.



Questa è una delle teorie più controverse nella storia dell’umanità. Secondo alcuni esperti la nascita di Gesù potrebbe, in realtà, essere un intervento extraterrestre e, il figlio di dio, sarebbe, in realtà, il figlio di un essere alieno; un ibrido umano/alieno; un Indaco.

L’ipotesi è che l’angelo che visitò Maria, in quello che lei percepì come un sogno, era un extraterrestre che inseminò artificialmente la madre di Gesù con sperma GM. Questo alieno era l’angelo Gabriele, un membro di una razza aliena.

Maria diede alla luce Gesù quando ancora era vergine e, quindi, Gesù potrebbe essere stato uno dei primi ibridi umano/alieno. Questo sarebbe un breve riassunto di uno dei più grandi enigmi della storia.

I quattro Vangeli menzionano la vita di Gesù, ma solo i Vangeli di Matteo e Luca riferiscono al miracolo biologico di una donna vergine che rimane incinta tramite un atto di dio e partorisce un figlio. Fu attraverso queste due versioni del Vangelo che lo status di Gesù fu elevato alla categoria dei salvatori.

Un altra influenza extraterrestre che circonda la nascita di Gesù è la stella di Betlemme la quale indica ai re magi (sovrani di non si sa quale regno) la posizione della nascita del cristo e, molto probabilmente, la stella fosse in realtà un UFO.

Rocco Bruno e il Natale



Nota: Il “natale” è innanzitutto astrologico, non nasce o è nato nessun umano o figlio di Dio di nome Gesù, men che meno in una stalla o cose simili. La stella dell’est o stella cometa che seguono i re magi, sarebbe Sirio; la stella più luminosa che la notte del 24 dicembre si allinea con le tre stelle al centro della cintura di Orione, note anticamente, appunto, col nome dei 3 re, indicando il punto preciso dove sorgerà il Sole nel suo giorno più corto e quindi più buio, quella del 25.

Tra la nascita di Gesù e le sue opere e miracoli, che hanno avuto luogo intorno all’età di 30 anni, non vi è quasi alcuna documentazione. Ciò può essere considerato come un lungo “tempo perduto”.

Gli esperti suggeriscono che l’ibrido Gesù, in quel periodo, potrebbe essere stato educato, addestrato e preparato da suo padre l’alieno. Ciò include la preparazione dei miracoli, l’esorcismo, il controllo della natura, guarire i malati e risuscitare i morti.

La prova definitiva che Gesù non fosse umano, ma di origine extraterrestre, è la resurrezione fisica menzionata in tutti e quattro i Vangeli. Marco riferisce che Gesù è stato picchiato, brutalizzato, coronato di spine e crocifisso dalle guardie romane.

Gli eventi di quel primo mattino di Pasqua sono un vero e proprio puzzle soprannaturale. Il Consiglio ebraico rimase senza parole quando ricevette la notizia che la tomba di Gesù era vuota.

Hanno sentito storie di come, nelle prime ore del mattino, un essere aveva terrorizzato i soldati romani a guardia della tomba. Questa strana figura, descritta dai sacerdoti ebrei come un essere celeste, ha spostato l’enorme pietra che bloccava l’ingresso della tomba con una forza sovrumana.



Questo fatto è stato rivelato a Maria Maddalena da due uomini non umani che erano vicino all’ingresso della tomba. Una delle figure misteriose gli disse:

“Non abbiate paura, se cercate Gesù il Nazareno, il crocifisso non è qui; è resuscitato; dite ai suoi discepoli e a Pietro che egli sarà con voi in Galilea; Là lo vedrete.”

Quest’enigmatico uomo scomparve misteriosamente in cielo così com’era apparso. Potrebbe essere tornato sulla sua nave madre che era in orbita attorno alla Terra? Questa nave extraterrestre, potrebbe essere la stella di Betlemme che predisse la sua nascita?

Quando Gesù riapparve davanti ai suoi fedeli discepoli, sembrava aver subito una spettrale trasformazione. Inoltre, molte persone hanno affermato di averlo visto in più luoghi contemporaneamente e simultaneamente.

Due libri apocrifi, Libri e Lettere degli Apostoli, vietati dalla Chiesa per secoli, documentano la nascita di Gesù risorto al cielo, mentre la Bibbia cristiana non fornisce molti dettagli su questo evento. È accaduto sul Monte degli Ulivi.



Gesù risorto mentre stava parlando ai suoi seguaci si manifestarono un lungo rombo di tuono ed una forte luce. Intanto che il tuono rombava attraverso le montagne, scese dalle nuvole una carrozza fiammeggiante. Questa carrozza è conosciuta come Merkaba, un veicolo celeste.

I testi descrivono come Gesù entrò nel Merkaba e di come venne ben accolto dagli angeli che erano vestiti in “lino”. Gesù salì sempre più in alto nel cielo fino a quando, lui e gli angeli dentro il Merkaba, scomparvero dalla vista degli apostoli. Questo evento potrebbe essere la descrizione di come Gesù tornò sulla nave madre per riunirsi alla sua gente?

Siamo nel 2014, un anno di grande attesa. Ci sono molti che dicono che l’anno 2017 sarà l’anno della seconda venuta di Cristo e, cioè, del contatto extraterrestre. Ricordiamo che questa è semplicemente la teoria di alcuni che credono che Gesù sia realmente esistito, ma le sue origini sono molto diverse da quelle che il Vaticano vuole farci credere.

Mentre per alcuni il Vaticano avrebbe tutti gli scritti e tutte le prove dell’origine extraterrestre di Gesù, altri suggeriscono che questa sia parte di una più ampia cospirazione guidata da esseri extraterrestri con la sola intenzione di schiavizzare l’umanità tramite le religioni di tutto il mondo.

Qual’è la verità?

E se Dio fosse un matematico?

Il linguaggio della scienza moderna è la matematica. Se nel tentativo di descrivere il mondo, la religione, la sapienza più antica dell’uomo, ha usato il linguaggio dei “simboli”, e il pensiero filosofico nato nella cultura greca si è espresso tramite “concetti”, la scienza moderna, il cui inizio si fa corrispondere alle intuizioni di Galileo Galileo, parla con il linguaggio della matematica, che per un curioso scherzo dell’Universo, è una sintesi tra “simboli” e “concetti”.



L’introduzione del linguaggio matematico nella ricerca del significato della realtà, ha spinto molti filosofi e matematici ad ipotizzare che ci troviamo a vivere in un “Universo Matematico”, nel quale tutte le strutture che esistono matematicamente esistono anche fisicamente.

Ciò solleva una questione di grande interesse: ma Dio ha la mente di un matematico?

Sin dai tempi più antichi, ha suscitato sempre una grande meraviglia l’esistenza della “Sezione Aurea”, o anche detta “Proporzione Divina”, espressione coniata da Frà Luca Pacioli, frate e matematico del XV secolo, con la quale si esprime un rapporto proporzionale esistente in natura e sulla quale sembrano essere modellate tutte le cose.

Dalla geometria all’architettura, dalla pittura alla musica, fino alla natura del creato possiamo osservare come tale rappresentazione corrisponda ad un rapporto che è stato definito pari a 1,618 (numero d’oro).

La Proporzione Divina viene intesa come chiave universale per penetrare i segreti della bellezza ma anche della natura ed al centro è collocato l’uomo, misura di ogni cosa.



L’uomo vitruviano acquistò popolarità grazie al disegno che ne fece Leonardo Da Vinci che fu amico di Frà Luca Pacioli, nel quale l’uomo è rappresentato come sospeso tra un quadrato ed un cerchio, volendo indicare che è possibile riscontrare la “Proporzione Divina” anche nel corpo umano.

Infatti, se moltiplichiamo per 1,618 la distanza che in una persona adulta e proporzionata, va dai piedi all’ombelico, otteniamo la sua statura. Così la distanza dal gomito alla mano, moltiplicata per 1,618, dà la lunghezza totale del braccio.

La distanza che va dal ginocchio all’anca, moltiplicata per il numero d’oro, dà la lunghezza della gamba, dall’anca al malleolo. Anche nella mano i rapporti tra le falangi delle dita medio e anulare sono aurei, così il volto umano è tutto scomponibile in una griglia i cui rettangoli hanno i lati in rapporto aureo.

Ma il corpo umano non l’unica realtà naturale ad essere sviluppata sulla base della Proporzione Divina. Cosa hanno in comune una galassia, l’accrescimento biologico di alcune specie animali, la spaziatura tra le foglie lungo uno stelo e la disposizione dei petali e dei semi di girasole? Tutti questi presentano schemi riconducibili a quello della sezione aurea e alla “spirale logaritmica” detta anche “spirale aurea”.



Infine, numerose opere architettoniche, di un passato più o meno remoto, presentano proporzioni riconducibili alla Sezione Aurea. Nei megaliti di Stonehenge, le superfici dei due cerchi concentrici di pietre stanno tra loro nel rapporto di 1,6; la piramide egizia di Cheope ha una base di 230 metri ed una altezza di 145: il rapporto base/altezza corrisponde a 1,58 molto vicino a 1,6; anche nella progettazione della Cattedrale di Notre Dame a Parigi e del Palazzo dell’ONU a New York sono state utilizzate le proporzioni del rettangolo aureo.


Filosofia e Matematica

Molti pensatori si sono chiesti se la matematica è un sistema che la mente dell’uomo ha inventato, o se invece sia di origine cosmica, una sorta di sapere divino che portiamo dentro di noi. Il primo a riflettere sull’origine divina della matematica è stato il pensatore greco del VI secolo a.C. Pitagora, autore del famoso teorema che tutti abbiamo studiato a scuola.

Secondo il filosofo di Samo, mediante i Numeri, è possibile spiegare ogni cosa: dal mondo che ci circonda al moto degli astri, al succedersi delle stagioni, dalle armonie della Musica al ciclo della vegetazione. Per Pitagora il Numero è tutto, è l’elemento di cui tutte le cose sono costituite.

Ma rispondere alla domanda se la matematica sia una invenzione umana o una scoperta di qualcosa che esiste di per sé in natura non è una cosa semplice. Nel corso dei secoli, numerosi filosofi, matematici, fisici e psicologi hanno tentato di dare una risposta a questo dubbio amletico: invenzione o scoperta? Il neurobiologo Jean Pierre Changeux (1936) si interroga sulla questione: “Come può uno stato fisico, interno al nostro cervello, rappresentare un altro stato fisico esterno ad esso?”. Bella domanda!



Kurt Gödel, un famoso logico e matematico, era talmente convinto del fatto che la matematica fosse intessuta nella struttura della realtà, da formulare una dimostrazione matematica di Dio!

Nel suo libro “La prova matematica dell’esistenza di Dio”, il matematico si cimenta in una dimostrazione logica dell’esistenza di Dio: impresa che oggi potrà anche sembrare anacronistica, ma che si situa nella scia di una tradizione millenaria.

Ugualmente convinto della “oggettività matematica” del reale è l’astronomo del MIT, Max Tegmark che afferma: “Se crediamo che esista una realtà indipendente esterna alla nostra osservazione, allora si deve credere in quella ipotesi che io chiamo “Universo Matematico”. Il nostro universo non è soltanto descritto dalla matematica: è la matematica”. (La mente di Dio, Paul Davies).

Per citare uno scienziato più vicino ai nostri giorni, è interessante l’opinione di Michio Kaku, fisico e noto divulgatore scientifico, secondo il quale Dio potrebbe in effetti essere un matematico: “La mente di Dio crea la musica cosmica, cioè le vibrazioni delle stringhe che compongono lo spazio a undici dimensioni. Questa è la mente di Dio”.

giovedì 15 gennaio 2015

Gesù Cristo potrebbe essere un Ibrido Alieno figlio di un extraterrestre


La nascita verginale religiosa potrebbe essere in realtà un intervento alieno e il figlio di Dio essere un extraterrestre o un ibrido alieno.

Si ipotizza che quando gli angeli visitarono Maria in sogno, esso non fu ' altro che l'intervento sublimale da parte degli alieni inseminandola artificialmente con lo sperma geneticamente modificato o alieno. Uno di questi esseri è "L'Angelo Gabriele" un membro della razza aliena. Gesù è stato accusato di aver avuto capacità sovrumane mentre Maria diede alla luce Gesù, mentre lei era ancora vergine e quindi Gesù era uno dei primi ibridi umani-alieni secondo il Movimento Raeliano.Attraverso la storia si è spesso affermato che le persone importanti avevano nascite miracolose. Ad esempio, su Platone è stato detto di essere nato dall'unione del dio Apollo con la madre.Alessandro Magno è stato detto di essere stato concepito quando un fulmine cadde dal cielo e ha reso incinta sua madre Olimpia prima del suo matrimonio con Filippo il Macedone.
Mentre nel libro della Genesi è stato detto che i figli degli dèi hanno avuto rapporti con le donne per la produzione di eroi.Gli dei e gli eroi di alcune religioni erano tutti nati da vergini. Nel primo secolo, questa credenza era prevalente poiché le religioni misteriche sono molto più antiche del Cristianesimo.Guardando più da vicino la nascita di Gesù, quattro vangeli raccontano la vita di Gesù. Marco, nel primo Vangelo, scritto nei primi anni 70 dC, non menziona la nascita di Gesù.
Il Vangelo di Giovanni afferma che Gesù era il figlio di Giuseppe,mentre solo i vangeli di Matteo e Luca si riferiscono al miracolo biologico di una donna vergine messa incinta dall'intervento di Dio dando alla luce un figlio. È stato attraverso queste due versioni del Vangelo che lo status di Gesù è stato elevato al rango degli dèi greci salvatori dell' Umanita'.Intorno al primo secolo, con la diffusione del cristianesimo, i pagani erano esitanti a seguire un Messia che era nato da un Dio alieno e da una madre vergine. Con l'adozione della nascita verginale, i pagani erano più tolleranti del cristianesimo ed iniziarono a convertirsi conservando le loro antiche credenze religiose.Forse questa elevazione di Gesù allo stato di Dio alieno nel cristianesimo porta ad avere un fondamento extraterrestre.Alcune influenze extraterrestri che circondano la nascita di Gesù sono la stella di Betlemme, che segnalava il luogo della nascita. Si ritiene che la stella era in realtà un UFO, che comunicava telepaticamente con i saggi sulla via da percorrere .Il ministero di Gesù ha avuto inizio approssimativamente intorno all'età di 30, nel corso del quale vi fu un lungo periodo di "missing time." Durante questo periodo poco documentato l'ibrido Gesù e' stato istruito, addestrato e preparato dal padre alieno a iniziare la sua missione come figlio di ET che esistevano molto prima della razza umana.In questo periodo si dedico' nella preparazione dei miracoli, la preparazione di esorcismi, controllando la natura, curando i malati e risuscitando i morti.La prova finale che Gesù non era un normale essere umano e di possibile origine aliena è la resurrezione fisica che è menzionata in tutti e quattro i Vangeli.Marco riferisce che Gesù è stato flagellato e trattato brutalmente dalle guardie romane che lo hanno coronato di spine e crocifisso alla nona ora di quel giorno.Il suo corpo fu avvolto in un lino. Questo tessuto oggi si ritiene di avere impresso l' impronta miracolosa del corpo di Cristo,la Sacra Sindone.

lunedì 12 gennaio 2015

QUETZALCOATL, IL SERPENTE PIUMATO



In un modo o in un alltro, hanno probabilmente tutti ascoltato almeno una volta il nome di Quetzalcoatl (dalla pronuncia approssimativa kezalcoàl), il serpente pennuto dell’antico Messico precolombiano. Nella lingua delle civiltà precolombiane, il Nahuatl, Quetzalcoatl significa letteralmente uccello o serpente con piume di quetzal (splendido uccello rimandante a qualcosa di prezioso e divino). I vari significati riferiti al suo nome nelle altre lingue mesoamericane sono abbastanza similari. I Maya lo chiamavano Kukulkán. I Quiché Gukumatz. Tra le civilizzazioni che praticavano il culto del Serpente piumato ricordiamo anche gli Olmechi, i Miztechi, i Toltechi e gli Aztechi.

Patrono di tutti i sacerdoti, simbolo della morte e della resurrezione, il Serpente Piumato, ibrido e mitico, rappresentava per le culture del centro-america il principio cosmico del duale: la terra del serpente ed il cielo dell’uccello, riuniti in un' unica simbologia. Egli simboleggiava l'eredità religiosa del periodo classico; insieme eroe civilizzatore primordiale ed entità mitica, ancora fatto oggetto, nella Tenochtitlàn degli ultimi giorni, della più profonda venerazione. La sua origine è rintracciabile fra i Toltechi, ma esso entrò ben presto anche nel culto azteco, diventando il punto di riferimento dell'evoluzione morale e spirituale della religione della nazione Mexica.

Ora, quel che si cela dietro la figura mitologica, potrebbe essere secondo alcuni un personaggio storico, per la precisione il re-sacerdote Topiltzin Ce Acatl, che si suppone sia vissuto a Tollan, dove governò tra il 977 ed il 999.

Egli avrebbe istruito gli indigeni nell'uso dei metalli, nell'agricoltura e nell'arte delle istituzioni sociali.

Fu conosciuto come inventore dei libri, del calendario e soprattutto come colui che donò il mais al genere umano. La sua fu l'età dell'oro del Messico: si raccontava che la terra generasse fiori e frutti senza richiedere la fatica del lavoro, che le pannocchie di granturco fossero così grandi che un uomo bastava appena per portarne una e che il cotone assumesse da solo, crescendo, i colori che i tintori avrebbero voluto dargli… Non ci sarebbe a questo punto da meravigliarsi che Quetzalcoatl fosse poi ricordato nell'ambito del divino e che le leggende fiorissero velocemente attorno alla sua persona. Il significato esatto delle caratteristiche di Quetzalcoatl varia invece a seconda delle civilizzazioni e del periodo storico. Egli è stato anche venerato, lo vedremo in seguito, come il dio della stella del mattino, mentre suo fratello gemello, Xolotl, era la stella della sera (Venere). Come stella del mattino era conosciuto con il titolo di Tlahuizcalpantecuhtli, il signore della stella e dell'alba.

In gran parte dei culti del centro america veniva contemplato il ciclo dei mondi. L'epoca attuale veniva considerata il quinto mondo, mentre i quattro precedenti erano terminati e distrutti.

Si raccontava che fosse stato proprio Quetzalcoatl, recandosi a Mictlan (il mondo sotterraneo) a creare il quinto mondo, quello del genere umano.

Per far ciò avrebbe usato il suo stesso sangue, col quale infuse nuova vita alle ossa delle razze che lo avevano preceduto.

Il quinto mondo, secondo il calendario Maya, dovrebbe terminare il 22 dicembre del 2012.

Al mito si attribuiva infine una nascita mistica, figlio del grande guerriero Mixcoatl e di una donna Colhuacana di nome Chimalman, che l'avrebbe concepito pur restando vergine. Gli spagnoli, sentendo questa leggenda, non poterono (e non vollero) non pensare ad una sorta di mimesi o parodia della verginità di Maria e conclusero che in questo caso il diavolo doveva essersi travestito da arcangelo Gabriele per operare un deprecabile trucco.

Torniamo a Quetzalcoat: la sua riforma del culto religioso tradizionale, compresa l'abolizione dei sacrifici umani, che andavano sostituiti con offerte di fiori, incenso, farfalle e pane di mais, suscitò presto il rancore degli altri sacerdoti; se ne può trovare un'evidente traccia in una leggenda. Seconda questa, la mistica vita di sacerdote di Quetzalcoatl, basata sul digiuno e sull'astinenza, finì quando un giorno fu spinto ad ubriacarsi dai servitori di Tezcatlipocal (dio del male e del cielo notturno, suo rivale e nemico nella creazione del mondo). In quell'occasione diede selvaggio sfogo alla sua passione per la bella Quetzalpétatl.

Per essere caduto in peccato, avrebbe abbandonato il lacrime la città di Tollan, seguito fedelmente dalla sua gente. Si fermò a Cholula dove gli venne eretto un tempio le cui poderose rovine esistono tuttora. Giunto infine sul Golfo del Messico, Quetzalcoatl si congedò dal suo popolo, promettendo però che sia lui sia i suoi discendenti sarebbero un giorno tornati da Est, per mare, a riconquistare il potere e a portare una nuova età dell'oro. A quel punto sarebbe salito a bordo di una nave magica fatta di pelli di serpenti e partito per la terra favolosa di Tlapollan, la terra del rosso e del nero.

Secondo un'altra variante, Quetzalcoatl si gettò in un rogo trasformandosi, come si diceva, nell'astro del mattino Tlahuizcalpautecuhtli.

E' tuttavia la prima variante, con l'insita speranza in un ritorno dell'epoca d'oro, quella che restò maggiormente viva fra il popolo. Questa circostanza, insieme ad altre su cui si approfondirà in un altro momento, favorì Hernan Cortés nella sua conquista dell'antico Messico.

Si diceva infatti che Quetzalcoatl fosse molto alto di statura, di pelle chiara, con lunghi capelli neri ed una barba fluente; caratteristiche in gran parte corrispondenti a quelle di Cortés e dei suoi conquistadores. Inoltre eran giunti tutti per mare, da Est.

Il re azteco Montezuma II, alla notizia dello sbarco degli Spagnoli nel 1519 fu effettivamente incerto se si trattasse oppure no del promesso ritorno del dio Quetzalcoatl, ed anche per questo fu portato a tentennare nell'opposizione al conquistatore Cortés, il quale fu anzi inizialmente accolto con grandi onori. A complicare il mito, c’erano poi altri elementi. Il dio Kukulcan dei Maya, ad esempio, corrisponde perfettamente a Quetzalcoatl anche nelle caratteristiche fisiche, ed anche presso gli indiani del Perù si favoleggiava di uomini bianchi che, dopo aver sparso i semi della civiltà, se ne sarebbero andati…

I missionari spagnoli arrivarono alla conclusione (vantaggiosa per la loro causa) che doveva trattarsi dell'Apostolo San Tommaso. Il mito veniva espropriato della propria natura mesoamericana per essere occidentalizzato.

La conquista era iniziata.

E qui si dovrebbe aprire una lunga parentesi sui fattori e sui modi della conquista di una civiltà diversa, approfondimento che faremo in un’altra occasione; per ora si accenni al simbolico fatto che, tra gli splendidi doni offerti dall'imperatore Montezuma a Cortes, vi era anche una sontuosa acconciatura di piume. Piume di quetzal. Sembra fosse appartenuta allo stesso Quetzalcòatl…

domenica 4 gennaio 2015

ANTICHI EGIZI IN AUSTRALIA

In Australia, a un centinanio di chilometri da Sidney, si trova il Parco Nazionale della Hunter Valley. Nel parco si trova una foresta, e tra le rocce che vi si trovano si trova il mistero di cui vi voglio parlare.

Salendo sui resti di una piccola frana rocciosa, si arriva ad un grande blocco di Arenaria, in cui una spaccatura rende possibile l'ingresso. Entrando nella spaccatura si raggiunge una piccola “camera”, e il contenuto di questa è decisamente sorprendente. Questa grotta fu scoperta negli anni settanta, casualmente come molte scoperte importanti, da un uomo che cercava il suo cane.

In fondo alla grotta si trova un grafito che riproduce il dio egizio Anubis, il Giudice dei Morti e Guardiano dell'Oltretomba. Sulle pareti si trovano scolpiti circa duecentocinquanta geroglifici egizi, parzialmente corrosi dal passare del tempo. Questi non hanno nessuna somiglianza con i graffiti animali realizzati dagli aborigeni, quindi non è possibile confonderli.

Secondo Paul White, un ricercatore che si sta occupando di questi geroglifici, sono indiscutibilmente di origine egizia, nello stile arcaicco delle prime Dinastie, e risalgono a circa 4500 anni fa. Gli egittologi, abituati a leggere geroglifici di epoche più recenti, si sono trovati davanti a forme primitive e bizzarre, e questo ha causato in loro dubbi sull'autenticità degli stessi.

Ray Johnson, un anziano egittologo che nel corso della sua carriera si è occupato della traduzione di testi molto antichi per il Museo delle Antichità del Cairo, si è anche occupato della traduzione dei geroglifici contenuti nella grotta, ricavandone una storia che para di antichi esploratori naufragati in una terra sconosciuta, e della morte del loro capo di stirpe regale, “il Signore Djes-Eb”.







Nei tre cartigli è riportato il nome di Djedefre, o Ra'Djedef, Re dell'Alto e Basso Nilo della IV dinastia dal 2528 al 2520 a.C., fratello di Khafra e figlio di Khufu, più conosciuto con il nome greco di Cheope.

Questo cartiglio data la spedizione in maniera precisa, difatti essa è avvenuta dopo il regno di Khufu, durante il regno di Ra'Djedef. Essendo Djes-Eb di stirpe reale, probabilmente era uno dei figli del faraone.

L'iscrizione è stata probabilmente realizzata per ordine di un capitano di nave o un sacerdote, poiché sul glifo angolare della stessa si trova il titolo di un alto ufficiale o di un sacerdote.

Questo è il resoconto dello scrivano, che parla a nome di Sua Altezza “Il Signore Djes-Eb”: “Per due stagioni, Djes-eb, il leader della spedizione ha proseguito verso ovest esausto ma forte fino alla fine. Sempre pregando e felice. Lui, il servo degli dei... Siamo andati per colline e deserti, nel vento e sotto la pioggia, senza trovare laghi.(Djes-Eb) È stato ucciso mentre trasportava alto il vessillo del Dio Falco in terra straniera, attraverso le montagne, il deserto e l’acqua. Egli, che è morto prima, qui è stato lasciato a riposare. Possa avere la vita eterna. Non si alzerà mai più in piedi presso le acque del Sacro Stagno di Mer, il cui nome significa amore”.

Nella seconda parte dell'iscrizione, che putroppo è peggio conservata, viene descritta la tragedia avvenuta: “Il serpente ha morso due volte. I seguaci del signore Khufu, vigoroso Re del Basso Egitto, Signore dei due Regni, non ritorneranno tutti. Tutte le sponde dei fiumi e dei torrenti sono asciutte. La nostra imbarcazione è danneggiata e legata con la corda. Abbiamo dato il rosso d’uovo dalla cassa dei medicinali ed abbiamo pregato Amen, il Nascosto, dato che è stato colpito due volte.

Abbiamo murato l’entrata laterale al rifugio con le pietre ed abbiamo allineato la camera ai cieli occidentali. Le tre porte dell’eternità sono state collegate all’estremità posteriore della tomba reale e sono state sigillate. Abbiamo disposto al suo lato un vaso, l’offerta santa, caso mai si svegliasse dalla tomba. È separato dalla casa il corpo reale e tutti gli altri.

Qui è iscritta la storia straordinaria della morte e della sepoltura del Signore Djes–eb, uno dei figli del Faraone Ra’Djedef”.

Lo stato di deterioramento dei geroglifici dimostra una lunga esposizione agli agenti atmosferici, suffragando la teoria dell'antichità degli stessi.

Come è possibile che le antiche popolazioni egizie attraversarono l'oceano e raggiunsero l'Australia? Esistono forse altre prove di questo incredibile viaggio?


ALLA RICERCA DI PROVE

Se tali geroglifici fossero autentici, vorrebbe dire che gli antichi Egizi si erano spinti, nel corso dei loro viaggi, fino all'Australia. Ma esistono altre prove della presenza di antichi popoli del mediterraneo in Australia?

Queensland, Gympie Alla periferia di questa città si trova una piramede a terrazze, alta circa trenta metri, con un'età stimata di seimila anni. Questa piramide fu segnalata dai primi uomini bianchi che abitarono l'area, nel 1850. Nel 1966, nei pressi di questa piramide, furono dissotterrate due statue di pietra che rappresentavano delle scimmie, e secondo le stime effettuate hanno almeno tremila anni di età. Secondo gli studiosi, potrebberò rappresentare il Dio egiziano Thoth, che fino al 1000 a.C. era rappresentato come una scimmia.

Delle due statue, la più grande è accovacciata ed è fatta di conglomerato pietroso. La più piccola, maggiormente rovinata dal passare del tempo, impugnava una Tau. La Tau è la parte inferiore dell'Ankh, la croce degli antichi Egizi.

Inoltre le tribù aborigene di questa zona adoravano una Dea Madre simile a quella che veniva adorata nel Medio Oriente.

Widgee Shire In questa località un operaio ha ritrovato una statuetta rappresentante una scimmia accovacciata.

Sunshine Coast, Noosaville In questa località è stata dissotterrata un'antica Ankh.

Toowoomba Qui furono ritrovate diciassette pietre di granito contenenti iscrizioni fenicie.

Bowen Anche in questa località sono stati trovati graffiti che sembravano geroglifici simili a quelli degli antichi egizi.

New South Wales, Penrith Nelle vicinanze del fiume Neapean è stato ritrovato uno scarabeo d'onice intagliato. Sempre a Penrith si trova anche una piramide a gradoni alta circa quindici metri.

Blue Mountains Ad ovest di queste montagne si trova un'altra piramide a gradoni, costruita mediante l'impiego di enormi blocchi di granito, alta circa trenta meti.

Fiume Hawkesbury Nei pressi di questo fiume si trovano disegni molto antichi, realizzati dagli aborigeni, che raffigurano dei visitatori sconosciuti.

Kimberley Gli aborigeni di questa zona venerano ancora oggi una Dea Madre simile a quelle adoratae nel Medio Oriente. Inoltre alcuni gruppi di queste tribù hanno caratteristiche razziali mediorientali, e nella loro lingua si trovano molte parole dell'antico egitto.

Sempre in quest'area, nel 1931 il professor A.P.Elkin, docente di Antropologia presso l'università di Sidney, scoprì una tribù aborigena che non aveva mai avuto contatti con l'uomo bianco. Gli anziani di questa tribù salutarono il professore con antichi segni massonici. Inoltre gli aborigeni adoravano il Sole, la Madre Terra e il Serpende dell'Arcobaleno, e numerose parole della loro lingua erano di origine egiziana. Quest'area è famosa per l'arte rupestre dei Wandjina, e secondo antiche leggende questo popolo giunse su grandi barche dall'oceano indiano.

Kimberley, Tjuringa in questa località fu ritrovato un simbolo solare identico a quello di Aton, la divinità solare venerata nel 1000 a.C. in Egitto.

Arnhem / Stretto di Torres in entrambe queste località si mummificavano i morti.

Isola di Darnley Nel 1875 una mummia ritrovata in quest'isola fu esaminata da Sir Raphael Cilento, un famoso medico dell'epoca. Secondo il medico il metodo utilizzato per la mummificazione era lo stesso che veniva impiegato in Egitto 2900 anni fa.

Isola di New Hannover nel 1964 Ray Sheridan, un ufficiale sanitario, scoprì i resti di un antico tempio del sole costruito nello stile egiziano. In questo tempio c'era anche un idolo alto due metri, del peso di quattro tonnellate, rappresentante una creatura per metà uomo e per metà uccello, rivolta verso il sole nascente. Le rovine ricordarono a Sheridan un tempio che aveva visto in Egitto durante la Seconda Guerra Mondiale.

Di queste scoperte non so darvi l'esatta collocazione:

1910 Ritrovamento di una moneta coniata ai tempi di Tolomeo IV

1931 In una caverna della Nuova Zelanda furono ritrovati dei resti mummificati, che vennero esaminati dall'antropologo Grafton Elliot-Smith. Secondo lo scienziato il teschio apparteneva ad un egiziano, e aveva almeno 2000 anni.

1950 Venne scoperto, scolpito in una scogliera, un disco solare egiziano.

1978 All'interno di una caverna, vennero scoperti ed identificati antichi simboli massonici egizi da Rex Gilroy. Questa caverna si trova a pochi chilometri di distanza dal luogo in cui venne ritrovata la moneta tolemaica nel 1910.

Ora cerchiamo prove di contatti con l'Australia in Egitto:

1922 Quando venne scoperta la tomba di Tutankhamen da Carter, nel lontano 1922, all'interno dell'anticamera della tomba fu ritrovata una collezione di boomerang, lunghi dai 26 ai 64 centimetri, costruiti in legno e in maiolica.

1982 secondo quanto fu riportato sul Cairo Times, degli archeologi che lavoravano a Fayum, nei pressi dell'Oasi di Siwa, scoprirono resti fossili di canguri e di altri marsupiali australiani.

CONCLUSIONI

Le prove della presenza in Australia di popolazioni proveniente dall'antico Egitto sono troppe per essere ignorate. Anche considerando dei falsi i geroglifici della Hunter Valley, le altre prove sono comunque sufficienti a dimostrare la teoria.

Inoltre, in base a queste prove, non si trattò di un solo incontro tra due culture, visto che tra i geroglifici ritrovati nella Hunter Valley (4500 anni fa) e il disco solare di Aton ritrovato nella Tjuringa (3000 anni fa) passano 1500 anni.

In base alle prove raccolte, si può affermare che, in epoche remote, esisteva un collegamento marittimo tra l'Australia e l'antico Egitto, che sicuramente avveniva mediante un porto sul Mar Rosso.

(Fonte: http://mistero.xoom.it)

UNA SECONDA SFINGE A GIZAH?

Antoine Gigal ha portato al ritrovamento di prove storiche che mostrano che fino al secolo XI d.C. esisteva una seconda Sfinge sul plateau di Gizah, che in seguito è stata smantellata.



Nel 1858, François Auguste Mariette fu incaricato dal duca di Luynes di verificare la dichiarazione di Plinio il Vecchio che la Sfinge era stata costruita, e non era monolitica. Aprì una trincea nei pressi della piramide di Khufu (IV Dinastia, 2589-2566 a.C.) e in un santuario di Iside (risalente al I secolo a.C.), dove trovò la cosiddetta "Stele dell'Inventario". La stele afferma che "durante il regno di Khufu, egli ordinò la costruzione di un monumento della lunghezza della Sfinge". Questo porterebbe logicamente a concludere che la Sfinge fosse già lì, e che la teoria usuale, cioè che la Sfinge sia contemporanea di Khefre (IV dinastia, 2520-2494 a.C.), non è corretta.
Non c'è da stupirsi quindi che la maggioranza degli egittologi provi ad attirare l'attenzione lontano dalla Stele dell'Inventario, perché pone troppi problemi. Alcuni preferiscono affermare che questa stele era un elenco di inventario del tempio di Iside e che, pertanto, dati solo alla XXVI Dinastia. Forse, ma Mariette, il suo scopritore, passò più di dieci anni di ricerca sull'altopiano di Gizeh, e finì per avere la convinzione che la stele fosse stata eretta da Khufu stesso.
Fu il capitano Giovanni Battista Caviglia che, nel 1816, pulì la Sfinge e i templi intorno ad essa dalla sabbia, e attribuì la costruzione della Sfinge a Khefre a causa della vicinanza della sua piramide alla sfinge. Tuttavia, non una sola iscrizione ha confermato questa connessione e la Sfinge non è nemmeno allineata con questa piramide.




Vi è anche un testo del faraone Amenhotep II (ca. 1448-1420 a.C.), in cui la Sfinge è menzionata come "più antica delle piramidi". Poi vi è la famosa Stele dei Sogni di Tuthmosis IV (XVIII Dinastia, 1420-1411 a.C.), in cui alcuni egittologi (troppo frettolosamente) credono di aver visto il nome di Khefre su un pezzo di iscrizione - oggi non più presente - sulla stele, tra le preghiere rivolte ad una divinità, anche se il nome non è, in realtà, in quella posizione, ma solo nel contorno di una sola sillaba, il che è lungi dal rendere conclusiva tale affermazione. Essi hanno inoltre inserito, nella traduzione, una seconda sillaba che non esiste sulla stele stessa!
Tuthmosis IV era solo un principe e, al momento, non un erede al trono. Dopo una battuta di caccia, si riposava all'ombra della testa della Sfinge, che era l'unica parte del monumento ancora al di sopra del terreno - poiché le strutture sottostanti erano tutte coperte dalla sabbia. Nel suo sonno, sognò che la Sfinge gli chiese di essere scoperta dalle sabbie. In cambio, la Sfinge promise di dargli forza e fortuna. Infatti, Tuthmosis decise di dar seguito al suo sogno e divenne subito dopo Faraone, così come molto ricco.
Tuttavia, ciò che è particolarmente interessante sulla Stele di Sogni di Tuthmosis IV è la rappresentazione della Sfinge. Ce ne sono due! Analogamente, si può vedere che due Sfingi siedono sulle costruzioni architettoniche, vale a dire un piccolo tempio con un cancello. L'usuale interpretazione degli egittologi è che questi templi sono semplicemente la rappresentazione di ciò che è presente nella parte anteriore e al sud della Sfinge. Tuttavia, una tale conclusione non dovrebbe soddisfare chiunque, poiché è ben noto che le regole della prospettiva per gli antichi Egizi erano molto severe, e nessun artista ufficiale si sarebbe permesso di allontanarsi dalla realtà di una tale misura.




Soprattutto, nella Stele dell'Inventario, vi è menzione di un fulmine che colpì il tetto di una seconda Sfinge, così come un sicomoro, un albero sacro in quei giorni, che fu bruciato dallo stesso fulmine. Il fulmine segnò l'inizio della fine di questa seconda Sfinge.
Secondo l'archeologo Michael Poe, che fa riferimento a frammenti di papiro del Medio Regno, la seconda Sfinge si trovava faccia a faccia con l'ancora esistente Sfinge. Essa era situata sull'altra sponda del Nilo, e fu distrutta da una violenta piena del fiume Nilo ca. 1000 d.C. La popolazione locale prese pietre dalla struttura per ricostruire i propri villaggi.
Questa tesi è confermata da altri testi, come quelli del grande studioso e geografo arabo Al-Idrisi (1099-1166 d.C.) nelle sue due enciclopedie geografiche (Kitab al Mamalk, Al-Mamsalik e Kitab al Jujori). Egli cita la presenza di due sfingi a Gizah, monumenti che descrive in maniera molto dettagliata: uno è in pessimo stato, lambito dalle acque del Nilo, e diverse sono le pietre mancanti.
Anche altri autori citano l'esistenza di due sfingi. Il famoso storico Musabbihi scrive di una "sfinge minore rispetto alle altre" (probabilmente perché l'altra era ormai molto rovinata a quel tempo), dall'altra parte del Nilo, fatta di mattoni e pietre (Annali di Rubi II, ca. 1024).
In totale, questi racconti presentano prove conclusive che, in origine, vi fossero due sfingi: una, la Sfinge che esiste ancora, una seconda Sfinge sul lato opposto del Nilo, fatta di mattoni, prima danneggiata e in tempi relativamente moderni, nell'XI secolo, usata come una cava, poi completamente smantellata.
Per quanto riguarda la localizzazione esatta della Seconda Sfinge, al momento, ci sono tre possibilità. Il lavoro è reso difficile soprattutto da fatto che la zona ha molti edifici moderni. Sappiamo solo che la Sfinge era dall'altra parte del Nilo, un fiume che era molto più ampio in quei giorni, soprattutto al momento delle inondazioni.



La domanda più importante, tuttavia, è questa: perché non si è più scritto nulla su questa seconda Sfinge? Cosa c'è da nascondere? Perché non ricordare la sua demolizione insieme con la rimozione del rivestimento esterno della Grande Piramide, che è stata ugualmente utilizzata dalla gente del Cairo, per le proprie case? Forse il motivo è più complesso, perché queste Sfingi nascondono un accesso a qualcosa che sta sotto l'altopiano di Gizah? Facciamo notare che nel X secolo d.C. il più grande cronista e storico arabo citò l'esistenza di porte che davano accesso a gallerie sotterranee sotto la Sfinge. Questa, tuttavia, è un'altra storia.

venerdì 2 gennaio 2015

La vera storia dell'abduction di Gary Wood del 1992 nei nuovi xfiles inglesi




Il rilascio dei nuovi xfiles britannici narrano nuove storie, e riaccendono i riflettori su altre ormai dimenticate. E' il caso della storia leggendaria raccontata da Gary Wood e Colin Wright, che hanno riferito di essere stati esaminati dagli extraterrestri dopo che il loro furgone è stato fermato da un disco volante nel 1992. La vicenda ha ispirato addirittura un film interpretato da Billy Boyd. Ma sembra che non per tutti sia rimasto un BMovie di Hollywood, anzi l'incidente è stato preso abbastanza sul serio da finire nei faldoni del ministero della Difesa Britannico ed essere frutto di indagini. Gary un 33enne tecnico addetto alle ambulanze diEdimburgo, stava guidando una macchina per Tarbrax, South Lanarkshire, accompagnato da Colin, 25 anni. I documenti classificati - diffusi da poco - confermano che Gary "stava percorrendo la A70 quando un oggetto ha proiettato una cortina di luce bianca di fronte alla sua macchina". Ripercorriamo tutta la storia.




La sera del 17 Agosto 1992 verso le 20.00 i due uomini si trovavano sulla A70, una strada poco frequentata, circondata da campi, quando i due notarono un disco che era in volo sulla cima della strada di fronte a loro, a circa 50 metri dalla loro vettura.
L'oggetto era molto lucido, di colore nero ed era fermo a circa 6 metri dal suolo. I due uomini sapevano perfettamente come erano fatti gli aerei e gli elicotteri. I fari della vettura illuminavano l'oggetto che pareva essere due semisfere attaccate e con una sorta di gobba sulla parte superiore.

Inizialmente, stimarono che l'oggetto fosse circa 10 metri di diametro. Questa stima fu fatta prendendo come punto di riferimento i bordi stradali.
Decisero di proseguire il loro viaggio passando sotto l'oggetto dal quale scaturivano delle particelle pesanti, argentee scintillanti, come fiocchi di neve che scendeva proprio sopra la loro automobile. Immediatamente piombarono nel buio più completo, non potevano vedere il cruscotto o le loro mani davanti alla faccia. Pensarono di essere morti.










Le notti seguenti Gary e Colin fecero strani sogni, vedevano una misteriosa faccia grigia che si avvicinava a loro. In seguito scoprirono di avere sui loro corpi alcune cicatrici recenti che non avevano prima: sul torso, sulle braccia e Colin alla base del pene. Decisero di consultare Malcom Robinson, il quale gli suggerì di fare separatamente un'ipnosi regressiva per cercare di scoprire cosa fosse accaduto.

Nel 1994 consultarono separatamente un ipnoterapeuta qualificato per cercare di rivivere la sera del 17 Agosto. Le sedute rivelarono uno scenario di rapimento classico, ciascuno di loro era stato portato da alieni in stanze che parevano essere fredde.

"Avevano occhi a mandorla neri come l'inchiostro, avevano delle linee rosse, gialle e verdi come branchie e sotto gli occhi presentavano delle fessure rosso scure, gialle e verdi. Alcune di queste piccole creature avevano una specie di rientranza nella parte superiore della testa che davano l'impressione di volti a forma di cuore."


Ad un certo punto Colin ricordò di trovarsi all'interno di un cilindro di grandi dimensioni che pareva essere composto da vetro trasparente. Era un tubo di circa 3,5o metri di altezza. Era seduto nudo. Il tubo trasparente, era circondato da una nebbia. Colin continua: "C'era un alieno grande all'ingresso della sala e altri 3 alieni mi guardavano da fuori dal tubo. In ogni tubo che vidi c'erano delle persone dentro, senza vestiti, ma avevo difficoltà a distinguerli perché il tubo pareva essere ghiacciato."

"All'improvviso qualcosa usci dalla pavimento della nave, si diresse verso i miei occhi e cominciò a muoversi ed a roteare. Immediatamente, il cilindro iniziò a congelarsi." Ed è proprio in quel momento Colin iniziò a piangere. Non appena mostrò quella emozione, il cilindro arrestò il processo di congelamento per ritornare alla normalità. Colin non riusciva a muoversi. "Potevo solo muovere le palpebre, potevo vedere alla mia sinistra ed alla mia destra una dozzina di tubi simili con altre persone nude dentro, l'ho visto non ho dubbi!"

Mentre Colin Wright viveva quei momenti, Gary Wood era disteso su di un tavolo alzato. poi, un oggetto cilindrico come una lattina di colore argento si sollevò dal suolo e rimase sospeso in aria. Da una sporgenza del cilindro uscirono quelli che parevano essere due LED di color rosso, i quali cominciarono a girare sopra la sua testa. Improvvisamente Gary notò una pozza di liquido, un po' come il gel da barba che si mise a bollire sul pavimento della stanza, dalla quale emerse un piccolo essere grigio.

Apparentemente paralizzato, incapace di muoversi mentre era sul tavolo, Gary alzò lo sguardo e vide come una sorta di lente nera di forma ovale, che galleggiava in alto al centro della stanza. Gary spiegò che l'oggetto girava su se stesso . Misurava circa 1,50 m di larghezza e 80 centimetri in profondità. "Ero quasi ipnotizzato da questo oggetto. Cosa poteva essere? Che cosa è?

Mentre Gary si trovava sdraiato e non poteva distogliere lo sguardo dall'oggetto galleggiante, un braccio grigio, sottile e trasparente con lunghe dita si abbassò sul suo petto. Gary era disteso nudo sul tavolo e due piccole creature si trovavano ai suoi piedi. Uno di loro aveva un oggetto luminoso a forma di diamante che emetteva impulsi color arancio. La creatura muoveva l'oggetto sul suo corpo. Un'altro essere entrò da un ingresso da una stanza illuminata.



Poi si diresse verso la sua sinistra verso una donna seduta sul pavimento nuda che era girata di spalle.. Teneva le ginocchia verso il suo mento e le braccia cingevano le ginocchia. Piangeva e tremava forse dal freddo. I suoi capelli avevano la permanente ed avevano riflessi biondi. Molto delicatamente si voltò verso Gary che notò le lacrime che gli scendevano dal viso, poi si girò verso il muro e continuò a fissarlo. "La riconoscerei se la reincontrassi".

Gary continuò: "Alcune parole mi arrivarono nella mente e mi sforzai di capirle. Ero certo che queste parole non provenivano da me, non erano le mie. Dissi ad alta voce nella mia testa: "Perché me lo chiedi? E ricevetti: "Sanctuary". So cosa significa, ma perché me lo disse? In seguito, uno dei piccoli grigi disse: "Anche noi abbiamo delle vite come le vostre. "E' tutto".

Malcom Robinson continua: "Quello che mi stupisce è che questi sequestri sono in corso da anni, perché hanno bisogno di quello che pare essere materiale genetico dagli ovoli e degli spermatozoi? Dicono che serva per rigenerare o ripopolare un pianeta in fin di vita.

Tu ed io, Linda, sappiamo che le donne che sono da sempre rapite e ri-rapite hanno visto il loro feto ibrido, metà umano e metà alieno. Gli alieni dicono loro: "E' anche vostro".

Linda Howe ha chiesto a Malcom se i due uomini hanno identificato la parola "Sanctuary" con il Pianeta Terra.

"Alcuni mesi più tardi, una notte, Gary si svegliò e vide con sua sorpresa uno degli esseri grigi ai piedi del suo letto. L'essere pareva essere sorpresa di essere stato scoperto. Gary era in pieno possesso del suo corpo ed alzandosi di fretta volle mostrare alla creatura tutta la sua frustrazione. "Saltai dal letto e gli scagliai un pugno sul viso, fu come colpire una bambola di cartapesta. Cadde saltando, fu divertente. Poi si fermò e corse attraverso il muro!"

Alle domande di Malcom, Gary si è detto sicuro che questi esseri non volerebbero fare del male al genere umano e continua a ripetere che "Loro vogliono venire qui…"

Non si trovano distanti da noi, sono molto vicini alla Terra. Gary sostiene che sempre più rapimenti accadranno perché "hanno bisogno di noi", siamo molto importanti per loro, non vogliono distruggersi. Hanno solo bisogno di noi".

Alien abduction nel Mississippi: a 40 anni di distanza parla il testimone principale





Forse il nome di Calvin Parker Jr. non vi dirà nulla, ma negli Stati Uniti è molto celebre. Parker è uno dei due uomini che sono stati rapiti in uno dei più famosi casi di Abduction nella storia degli Stati Uniti. L'uomo che ha vissuto una vita di riservatezza e sobrietà, ha parlato della sua esperienza a 40 anni di distanza dalla sua "Alien Abduction". L'11 Ottobre 1973 incontrò dei grigi, creature che, gli apparirono come mostri, con lunghi artigli, e occhi profondissimi. Il caso del Mississippi, icona dei ruggenti anni 80 ufologici è ancora aperto. Tre creature dalla pelle coriacea e lucida presero Parker e il suo amico Charles Hickson, portandoli nella loro navicella spaziale e sottoponendoli ad esami accurati. Da allora cominciò un inferno di deposizioni, macchine della verità, smentite e conferme. Com'è andata a finire?


Come tutto è cominciato

La sera dell'11 ottobre 1973, giovedì, Charles Hickson e Calvin Parker, due operai di un cantiere navale rispettivamente di 42 e 19 anni, stavano pescando con la lenza sulla riva ovest del fiume Pascagoula nel Mississippi. Sentirono un suono simile a un ronzio, poi si trovarono di fronte a due luci blu lampeggianti che provenivano da un velivolo a forma di sigaro, lungo fra i 9 e 12 metri, alto fra i 2,40 e 3 metri, sormontato da una cupola. Il velivolo levitava a circa 60 cm dal suolo.



Dal portellone del disco volante uscirono tre creature che li afferrarono, trasportandoli nel velivolo galattico. Le creature di circa 1,50 metri avevano un aspetto umanoide, con pelle grigiastra grinzosa occhi grandi e nerissimi.

Sulla nave si spostavano levitando a pochi centimetri dal pavimento. Hickson raccontò di essere stato esaminato con un occhio meccanico che scansionò il suo corpo. I due uomini furono rilasciati dopo circa 20 minuti e si ritrovarono nella stessa posizione originaria da cui le creature li avevano prelevati.


La denuncia alla polizia

Gli uomini terrificati dall'esperienza guidarono per 45 minuti, e dopo una discussione, decisero di raccontare la storia agli ufficiali della base aerea di Keesler, ma il personale della base disse loro che l'USAF non aveva nulla a che fare con i rapporti sugli UFO (il Progetto Blue Book era stato sospeso circa quattro anni prima) e gli suggerirono di fare rapporto alla polizia. Alle 22,30 circa, Hickson e Parker arrivarono nell'ufficio dello sceriffo della contea di Jackson, Mississippi. Lo sceriffo Fred Diamond credette alla buona fede dei testimoni ma avanzò dubbi sull'equilibrio mentale di Parker. I due ammisero tra l'altro di avere bevuto whiskey. La deposizione fu registrata.


Tutta la verità nient'altro che la verità

Hickson e Parker avevano chiesto volontariamente di sottoporsi all'esame con il poligrafo per provare la loro storia.

Alla fine, solo Hickson fece l'esame e l'esaminatore arrivò alla conclusione che egli credeva che la storia del rapimento alieno fosse vera.

Philip J. Klass, giornalista e scettico sugli UFO, scrisse in proposito che l'esame era stato condotto da un giovane operatore che aveva appena concluso la scuola, non aveva completato il suo tirocinio professionale e non aveva ancora sostenuto l'esame di stato di abilitazione. Attraverso il loro legale, Hickson e Parker avevano rifiutato di essere esaminati dal capitano Charles Wimberly, capo operatore di poligrafo presso la vicina Squadra Mobile di Polizia, inoltre, l'avvocato non aveva contattato alcun operatore con esperienza di poligrafo operante vicino Pascagoula. Piuttosto, aveva fatto venire da New Orleans, distante più di 100 miglia, il giovane operatore senza esperienza quest'operatore, per una curiosa coincidenza, lavorava per un amico del legale.


Due vite separate e stili diversi

Hickson che è morto a settembre del 2011 ha goduto ad essere sempre sotto i riflettori. Ha partecipato a talk show, pubblicato libri, dato lezioni negli atenei. Avrebbe avuto anche altri incontri nel 1974. Parker che era l'esatto contrario, fece del suo meglio per stare lontano dal pubblico. Si è sposato in quello stesso anno e, nel tempo, si è distaccato da tutto quello che gli potesse ricordare quell'esperienza. Nel 1993, poi ha cercato di creare un'associazione di indagini sugli UFO, per produrre documentari a tema alieno per la televisione, con poca fortuna. Dopo un ictus nel 2010, che gli ha fatto perdere sensibilità motoria, si è ritirato nel suo immenso ranch. Fino all'ultima intervista di questi giorni. Dice di crede fermamente in Dio e in fondo anche agli alieni, che bene o male gli hanno cambiato la vita.

Abductions

Il primo livello di Interferenza Aliena

Il primo livello di interferenza aliena descrive l’abduction come un fenomeno invasivo, nel quale alcuni esseri, di solito piccoli e di colore grigio scuro o nero, qualche volta blu, prelevano il soggetto e lo conducono in un ambiente tecnologico dove viene sottoposto ad operazioni chirurgiche su di una specie di tavolo operatorio; sia nei maschi che nelle femmine vengono impiantati microchip di controllo. Questo è quanto ci era stato già descritto dai diversi studiosi americani, ma vi è di più. Esistono, infatti, almeno dodici razze aliene diverse che hanno a che fare con l’umanità e, pur impiegando tecniche differenti, alla fine cercano la stessa cosa.
Ognuna di queste razze ha a disposizione piccoli esseri, definiti genericamente “grigi” od EBE (Entità Biologiche Extraterrestri), che possono essere considerati “cyborg”, cioè veri e propri robot biologici, ottenuti per clonazione.
Esistono diversi tipi di Grigi, i quali vengono descritti in modo simile, ma possiedono differenti caratteristiche morfologiche, come, ad esempio, il colore della pelle e l’altezza. esse vengono descritte con precisione durante l’ipnosi e differiscono a seconda della razza aliena con cui si ha a che fare.

Quattro, tra le dodici razze aliene di cui si parla, apparivano presenti sul territorio con frequenza maggiore delle altre (sono forse le quattro razze stanziali a cui faceva riferimento il colonnello Philip Corso?).
In realtà secondo Malanga non si dovrebbe parlare di razze, ma, più appropriatamente, di gruppi di potere.


Del primo gruppo di potere fanno parte esseri che sembrano mammiferi (mammiferomorfi), alti circa 2,40 m, bianchi di carnagione, bianchi di capelli, con sei dita nelle mani e con gli occhi chiari (azzurrini) con pupilla verticale. Questi esseri sono solitamente vestiti di bianco, portano, appeso al collo, un medaglione rotondo con una specie di simbolo triangolare e sembrano provenire dal sistema triplo di Sirio (definiti “siriani”). Non sono mai state segnalate femmine “siriane”
Altri, anche loro di tipo mammiferomorfo, sono biondo-rossicci (i cosiddetti “biondi”), alti circa 2 m, con pupilla ad andamento decisamente verticale, cranio allungato, che si assottiglia progressivamente sui lati partendo dalla fronte (come la prua di una nave), pelle abbronzata, vestiti con tute blu scuro attillate, con cinque dita nelle mani. La tuta è caratterizzata da uno stemma a forma di due triangoli intrecciati, posto sul pettorale sinistro. Anche questi sembrano provenire dal sistema di Sirio, vengono sempre definiti “belli” ed hanno le femmine.
Esistono, poi, altri mammiferomorfi, diversi dai precedenti, alti più degli esseri umani, ma non esageratamente, i quali hanno mani a cinque dita, sono bianchi di carnagione, dotati di capelli lunghi e bianchi e si vestono con una veste bianca non attillata. Vengono sempre definiti “belli” ed hanno le femmine. Questi alieni sembrano provenire dalla costellazione del Toro (pertanto li chiameremo “tauriani”) e si differenziano dagli altri due poiché nei loro rapimenti essi sono i soli ad interagire con gli addotti.

Negli altri casi, invece, dopo un primo intervento dei “biondi”, subentrano altre entità .
È dunque evidente che alcuni gruppi lavorano in collaborazione, mentre altri si fanno semplicemente gli affari loro.
I “tauriani” interagiscono con gli addotti sempre da soli, ma quando si ha a che fare con il gruppo proveniente da Sirio, sembrano intervenire sempre per primi quelli abbronzati a cinque dita (i “biondi”), poi, nel corso della vita dell’addotto, subentrano gli altri. Sembra, infatti, che i “biondi” dispongano della mappatura genetica dell’umanità, o comunque sappiano distinguere gli esseri umani adatti per i rapimenti da quelli che vanno scartati, perché non possiedono quella “cosa” che a loro serve.
Ancora più in alto, in una informale scala gerarchica, sembrerebbero esistere esseri molto più antichi, molto alti, vestiti sovente con abiti scuri attillati, che gli addotti dicono di non aver mai visto direttamente, ma di aver percepito come se fossero dietro uno schermo (è quindi difficile stabilirne l’altezza esatta, anche se, da alcune considerazioni, si stima attorno ai 3 m).
Questi esseri hanno occhi tondi e quasi bianchi e possiedono una appendice sotto il mento, che li fa assomigliare a uomini barbuti ed è caratteristica solo dei maschi; le femmine sembrano non possederla. Per di più sono dotati anche di due ossa scapolari molto pronunciate che, a chi li vede di fronte, ricordano, erroneamente, grandi ali ripiegate dietro la schiena. Talvolta è stata notata, al centro della fronte, la presenza di quello che sembra il loro vero occhio, molto luminoso (li chiameremo, pertanto, “monocoli”). Le dita, tre più un dito opponibile, sono sottili ed arcuate come quelle di un uccello. I “monocoli”, quando si spostano, sembrano dotati di poteri telecinetici e non stanno qui, ma trasmettono i loro messaggi agli altri alieni da lontano, con mezzi tecnologici.


Del secondo gruppo di potere fanno parte esseri di natura sauroide (i “sauroidi”, erroneamente chiamati “rettiloidi” dall’ufologia contemporanea).
Sembrano esistere due tipi di “sauroidi”.
Il primo e più invasivo tipo è alto circa 2,80 m, ha cinque dita nelle mani e nei piedi, più, sull’avanbraccio, distante dalla mano, un’unghia rostrata simile al dito che i gatti hanno sulle zampe posteriori, ma dotato di una struttura chitinosa molto dura. La pelle, che sembra sempre umidiccia e traslucida, è di colore verde-marrone e, vista da vicino, appare dotata di scaglie, le quali, se esaminate attentamente, si rivelano più morbide del previsto.
La pelle diventa progressivamente rossa nella zona ventrale e nei polpastrelli delle mani: in tali zone la pelle si fa più sottile e si può veder scorrere una linfa rossa, soprattutto quando l’alieno sembra comportarsi in modo disturbato.
Il cranio, sui lati destro e sinistro, è caratterizzato dalla presenza di due superfici cornee, tondeggianti e poco sporgenti, mentre al centro esiste una struttura più morbida, sotto la quale si vede pulsare la linfa; questa struttura sembra una spina dorsale in rilievo e percorre, bene in evidenza, tutta la lunghezza della testa, del collo, del dorso e della grossa coda (pertanto chiameremo questi alieni “draghi”). La grossa e tozza coda viene utilizzata come terzo punto di appoggio quando il sauroide sta fermo sulle due corte e tozze gambe. Le dita delle mani e dei piedi sono abbondantemente palmate.
Disponiamo di pochi dati sulla lingua, che sembra, però, anch’essa tozza e bifida.
Gli occhi sono dotati di una sotto-palpebra (membrana nittitante) che scorre in diagonale, dal basso verso l’alto e dal naso verso l’esterno. Le pupille sono verticali e le iridi cambiano di colore, dal giallo verde al rosso vivo, a quanto pare secondo l’umore.
Disponiamo di rapporti su “draghi” di varie dimensioni e Malanga ritiene che questa caratteristica dipenda dalla loro età e che essi continuino a crescere sempre, senza un vero e proprio limite massimo. L’aspetto generale viene descritto come quello di un drago o, a volte, come quello di un “coccodrillo in piedi”, anche se il viso (o muso?) è arrotondato come quello di un serpente, con labbra sottili e narici poste in fondo al setto nasale, ma laterali, piuttosto che frontali come le nostre.
Si tratta di esseri anfibi, tra i quali non si nota la presenza di sessi; sono sempre descritti insieme ad un’altra specie, apparentemente loro sottoposta.

Quest’ultima specie è composta da “sauroidi” senza coda, alti circa 2 m, con pelle traslucida, occhi a palla che conferiscono rigidità allo sguardo (definiti “rane”) e denti verticali, lunghi e sottili, che ricordano la disposizione dei fanoni delle balene. Sulla testa hanno come dei piccoli corni, che, da lontano, ricordano una capigliatura a spazzola; si tratta, tuttavia, di molte escrescenze cornee ravvicinate. Questi esseri sono talmente simili l’uno all’altro da rendere impossibile identificarne le differenze, anche se se ne vedono diversi contemporaneamente.
Anche tra di loro non si nota la presenza di sessi distinti.

Del terzo gruppo di potere fanno parte esseri di tipo insettoide, simili alle nostre mantidi religiose (perciò li chiameremo “mantidi”), di colore verdastro, con corpo chitinoso. che si muovono quasi camminando sugli arti posteriori. Gli arti anteriori vengono tenuti come se l’alieno stesse pregando, quasi con le mani unite; queste hanno tre dita più un dito diverso (non si sa se è opponibile). La bocca è piccolissima e la testa, dai grandi occhi scuri, viene spesso tenuta piegata su di un lato. Non si sa con sicurezza se hanno un altro paio di piccoli arti intermedi tra quelli superiori e quelli inferiori.
Gli addotti dai “siriani” passano poi, nell’arco della loro vita, nelle mani delle “mantidi” e quindi in quelle dei “sauroidi”.
Sembra che gli addotti dai “tauriani” non vengano, invece, toccati da nessun altro.
Esiste un’altra razza di esseri mammiferomorfi, che risultano essere non cloni, ma schiavi (così gli addotti sotto ipnosi di solito li definiscono) dei “sauroidi” .
Si tratta di esseri piccoli (che chiameremo, appunto, “schiavi”), con la pelle molto rugosa, il collo lungo con i muscoli che flettono e ruotano la testa (gli equivalenti dei nostri muscoli sternocleidomastoidei) molto in evidenza, la bocca piccola con labbra di diverso spessore (il labbro superiore è vistosamente più piccolo di quello inferiore) e gli occhi scuri ed umidi.
Le dita delle mani sembrano essere cinque (qualcuno, ad onor del vero, dice che sono quattro,si ritiene più probabile che siano cinque; in ogni caso non sono sei).
Il cranio a forma di cuore è tipico, infatti è sviluppato in modo retroverso, ma presenta un avvallamento al centro della fronte, che scompare gradualmente verso la parte posteriore del cranio stesso.
Le orecchie sono piccole ed un po’ appuntite in alto.
Questi alieni vestono con abiti non attillati e sono alti circa 1,50 m; sono stati più volte confusi con “grigi” o con altri esseri, incappucciati, i quali prendono il nome di “Javas”.

Attorno agli alieni finora descritti fluttuano descrizioni di altri esseri con i quali sembra che gli addotti abbiano meno a che fare.
Il posto d’onore spetta a quelli che l’ufologia americana chiama “Esseri di Luce”.

fonte:www.omeonet.info/federazione
fonte:www.ufomachine.org



---------------------------------------------------------------------------------------------------------

Prima Parte - Le Abduction o incontri del quarto tipo



“E’ qualcosa di complesso, ambiguo, ingannevole, inconsistente, traumatico, fisico e metafisico senza uno scopo univoco e chiaro. Vi sono schemi e possibilità diverse, ma nessuna controllabile con sicurezza e chiarezza cosicché tutti concordino sui fatti, e tanto meno sulla verità complessiva del programma dell’attività aliena”
(Karla Turner, con riferimento al fenomeno abduction)

Le abductions (o incontri ravvicinati del IV tipo, secondo la classificazione dell’astrofisico Allen Hynek), presunti rapimenti di esseri umani da parte di entità aliene, rappresentano uno dei più interessanti e controversi aspetti della fenomenologia ufologica.
Il problema venne all’attenzione degli studiosi all’inizio degli anni 60 del ‘900, allorquando lo studioso statunitense John Fuller diede alle stampe il volume “The interrupted Journey” (tradotto in Italia con il titolo”Prigionieri di un UFO”, Armenia ed.) sull’ormai famosa esperienza dei coniugi Barney e Betty Hill. Costoro, sottoposti ad ipnosi regressiva dal noto psichiatra di Boston Benjamin Simon, rievocarono un episodio di rapimento da parte di piccoli umanoidi, che dopo averli condotti a bordo di un disco volante li sottoposero ad una serie di “esami medici”.
Il compianto colonnello Philip Corso, alto ufficiale del pentagono e componente del consiglio per la sicurezza nazionale USA all’epoca del presidente Eisenhower, sostiene nel suo volume “il giorno dopo Roswell” che il governo statunitense era a conoscenza dei rapimenti alieni già negli anni ’50, ma vi sono fondati motivi per ritenere che tale fenomeno risalga addirittura ai primordi della civiltà umana.


La scienza ufficiale (come è solita fare quando si trova dinnanzi a fenomeni che non riesce a interpretare diversamente!) ha tentato di spiegare le abductions in maniera alquanto semplicistica riconducendole ad una sorta di patologia mentale (sindrome dissociativa o schizofrenia psicotica).
Gli studiosi che invece credono che il fenomeno sia ben reale e riconducibile all’operato di entità esogene al pianeta Terra, possono essere distinti in due precise categorie:
§ coloro che lo ritengono di matrice positiva (John Mack, Richard Boylan, Whitley Strieber);
§ coloro che lo ritengono di matrice negativa ( Karla Turner, David Jacobs, Budd Hopkins, Salvador Frexeido)
I propugnatori della teoria “positivista” credono che gli alieni rapiscano i terrestri per “ampliarne” la coscienza e la spiritualità, arrivando in alcuni casi anche a guarirne le malattie fisiche.
Lo psichiatra John Mack, da poco tragicamente scomparso, riteneva che gli alieni stanno preparando gli umani prescelti ad una sorta di salto evolutivo che li aiuterà a sopravvivere in futuro sul nostro pianeta ormai inevitabilmente avviato verso il degrado e la catastrofe ambientale.


I “negativisti” invece ritengono che gli extraterrestri stiano semplicemente sfruttando gli umani per i loro oscuri fini, sottoponendoli ad umilianti procedure mediche (asportazione di sperma ed ovuli, fecondazione artificiale di donne terrestri con successiva asportazione del feto, creazione di ibridi umano/alieni, inserimento di microimpianti etc.). Secondo il prof. David Jacobs, uno storico della Temple University autore del volume “The Treat”, gli alieni perseguono un piano ben preciso: la modifica biogenetica dei terrestri allo scopo di una convivenza tra umani e alieni sulla Terra. Tale progetto dovrebbe concludersi tra circa quattro generazioni, quando ormai tutta la popolazione terrestre avrà subito almeno un’esperienza di abduction. A questo punto le persone normali diventeranno civili di seconda classe con diritti molto limitati rispetto agli “ibridi”.
Jacobs individua i veri mandanti di tale sinistro piano nei “grandi insettoidi” o “Mantidi Religiose” anziché nei “Grigi”.
L’invasione aliena è pertanto già in corso ed ormai vi è ben poco da fare per contrastarla!
Karla Turner, compianta autrice del pionieristico “Taken” (ed ella stessa addotta), manifesta un punto di vista molto pessimistico non solo sui rapitori alieni, ma anche sul ruolo occulto rivestito dai militari. Le sue convinzioni sono confermate da altri addotti/investigatori come Lea Haley e Katharina Wilson.Come già accaduto alla stessa Turner, esse hanno notato un’apparente sorveglianza militare, come l’apparizione di elicotteri neri senza insegne prima o subito dopo le abductions, quasi fosse in atto un tentativo di monitorarle. Ma anche il ricordo, in molti casi, di essere state portate in basi sotterranee da team militari, dove talvolta i militari sembravano lavorare assieme agli alieni.
Altri autori, fra cui spicca lo scienziato austriaco Helmut Lammer, riconducono le abductions nell’ambito di un programma di controllo mentale illegale ed esperimenti biologici puramente umani camuffati da rapimenti UFO che hanno denominato MILAB (Military Abductions of Alleged UFO Abductees ovvero Abductions militari di presunti addotti UFO).
Più cauto appare il punto di vista di Budd Hopkins, forse il pioniere indiscusso dello studio delle abductions. Nel suo bollettino dell’Intruders Foundation dell’ottobre 1997, alla domanda “gli alieni sono buoni o cattivi?” fornisce la seguente risposta:” Non ho visto prove che gli alieni siano cattivi, ossia malevoli nemici decisi a conquistare. […] Ma d’altra parte non ho visto prove che gli occupanti degli UFO siano buoni: esseri benevoli venuti ad insegnarci come amarci l’un l’altro e prenderci cura di quello che ci circonda. Il loro scopo recondito sembra essere quello di portare a termine un complesso esperimento di incroci, in cui essi sembrano lavorare alla creazione di una specie ibrida, un misto di caratteristiche umane e aliene”.


Il dato certo, semmai, è che, dopo oltre tre decenni di studi e nonostante le diverse ipotesi avanzate dai ricercatori, i veri motivi delle abduction restano ancora imperscrutabili. Ma forse dobbiamo dire fino a oggi…
In Italia il primo ad approfondire seriamente le abductions è stato il prof. Corrado Malanga, ricercatore del dipartimento di chimica dell’Università di Pisa.


Il primo caso preso in esame da Malanga fu quello di Valerio Lonzi, un ragazzo di Genova che fu addotto una notte mentre partecipava ad un campeggio a Reppia, sui monti del capoluogo ligure.
All’epoca fu il CUN (Centro Ufologico Nazionale) ad incaricare Malanga di studiare il caso Lonzi (sul quale fu pubblicato dalla Bompiani il best seller “Gli UFO nella mente” scritto da Malanga stesso). In tale frangente, Malanga ebbe modo di apprendere le tecniche ipnotiche descritte dagli autori americani e, con l’aiuto del dott. Moretti di Genova, le migliorò avvalendosi anche della PNL (Programmazione Neuro-Linguistica: tale metodologia insegna a capire il comportamento dell'altro attraverso il suo modo di esprimersi).
Inspiegabilmente il CUN, all’indomani della pubblicazione dello studio di Malanga, sembrò prendere le distanze da questi, ritenendo forse le conclusioni cui era pervenuto troppo… “eterodosse”.
Ciò indusse il chimico pisano, dopo 25 anni di militanza in qualità di dirigente e consulente scientifico, ad uscire dalle fila del CUN, la cui politica rimaneva ancorata ad un modo anacronistico di “fare” ufologia, ed a organizzare un nuovo gruppo di collaboratori con cui proseguire le sue ricerche. Nasceva così lo Stargate Toscana, tuttora in piena attività.
Le ricerche di Malanga, proseguite ininterrottamente per circa 15 anni, hanno condotto a scoperte sconcertanti: esistono cinque livelli di interferenza aliena.



fonte:www.omeonet.ifo/federazione
fonte:www.ufomachine.org
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
Licenza Creative Commons
Enuma Elish diDario Sumer è distribuito con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.